Centro Pari Opportunità

Commissione Pari Opportunità

Portale per le Pari Opportunità della Provincia di Lucca

Assessorato & Centro

Politiche del lavoro al femminile
Imprese femminili
Il Portale delle Pari Opportunità offre uno spazio a tutte le Imprese che fanno parte dell'Incubatore Donna Impresa . Ecco come fare per presentare la propria attività
Associazioni
Il Portale delle Pari Opportunità offre uno spazio libero a tutte le associazioni che ne fanno richiesta. E' sufficiente compilare la scheda sotto riportata con le informazioni relative all'associazione per essere inseriti nello spazio web dedicato.

Incubatore Donna Impresa 2011

Una risorsa formativa e di accompagnamento all'impresa, uno sportello web dedicato e un Ilaria Maffei e Gabriella PedreschiForum online per far crescere le aziende delle donne. Il tutto, gratuito. In un momento in cui la perdita di lavoro penalizza i lavoratori e, ancora di più, le lavoratrici, e i cui tante donne si trovano da un giorno all'altro senza lavoro o a doverne cercare uno per sopperire alla perdita dell'impiego del proprio compagno, il Centro Pari Opportunità rinnova il suo impegno nei servizi gratuiti messi a disposizione delle donne che devono inventarsi o reinventarsi un presente e un futuro, per se stesse e per le loro famiglie.

Sono state presentate venerdì 25 marzo nella sede della Fondazione Banca del Monte di Lucca (piazza San Martino, 4), le novità dell'edizione 2011 dell'Incubatore Impresa Donna il progetto promosso dall'assessorato provinciale al lavoro, formazione e pari opportunità, nell'ambito del Centro Pari Opportunità della Provincia di Lucca con il sostegno della Fondazione Banca del Monte di Lucca, e attivo dal 2007 per favorire l'imprenditorialità femminile, in ogni forma di lavoro in proprio delle donne: dall'impresa al lavoro autonomo. All'incontro con la stampa sono intervenute Ilaria Maffei, vicepresidente dell'Organo d'Indirizzo della Fondazione Banca del Monte di Lucca e Gabriella Pedreschi, assessore al Lavoro, Formazione e Pari Opportunità della Provincia di Lucca.

"In un momento di difficoltà come questo, - ha detto Ilaria Maffei - la Fondazione Banca del Monte sostiene con convinzione questo progetto, un'iniziativa che aiuta concretamente e con importanti risultati una delle categorie più penalizzate dalla crisi, le donne. Le molte imprese al femminile di cui ha coadiuvato la nascita e la crescita, oggi sono la prova tangibile della validità di questa iniziativa".

"Investire nel progetto Incubatore è stata una scommessa vincente - ha detto l'assessore Pedreschi -, visto che in 4 anni sono nate e continuano ad essere produttive 28 imprese femminili su tutto il territorio provinciale. Vogliamo proseguire, accogliendo le nuove sfide che il cambiamento di mette davanti, arrivando a stringere un patto territoriale economico del lavoro femminile al cui centro deve esserci un'idea di autoimprenditorialità, che spinga le donne a immettersi o re-immettersi nel mondo del lavoro. Un contributo ad un cambiamento culturale che ci metta al passo con l'Europa, dove i contratti a tempo indeterminato sono molti meno che da noi, dove la normalità non è fare lo stesso lavoro dai 20 ai 65 anni, e dove è esperienza comune nella vita delle persone cambiare o ri-trovare lavoro, perché esistono le possibilità di farlo".

Un progetto in cui, dal 2007 al 2010, le persone che hanno chiesto una consulenza individuale sono state 763, mentre hanno usufruito della consulenza amministrativa 411 utenti. Di queste, 79 hanno preso parte ai 7 seminari ‘Avviarsi all'impresa' realizzati nella primavera e nell'autunno di ogni anno. Per quanto riguarda, invece, le imprese e le attività autonome realizzate, 16 persone si sono avviate al lavoro autonomo: nell'ambito della consulenza turistica, immobiliare, e come stilista, centro animali, libreria e artigianato; 3 in una cooperativa, nell'ambito dell'artigianato e consulenza turistica, e 9 al lavoro autonomo, nell'ambito dei servizi all'impresa, alla persona e alla casa.

Nell'era del Web 2.0, internet è spazio e strumento di lavoro di sempre più persone ed è per questo che oggi nasce il nuovo Sportello Web Impresa donna: nei seminari dell'incubatore saranno presentate le opportunità di marketing e comunicazione online, puntando anche sull'open source, e poi individualmente sarà offerta consulenza sui singoli progetti presentati dalle imprenditrici.

Altra novità per le imprese femminili iscritte al sito del Centro Pari Opportunità è la possibilità di dialogare tra loro attraverso il Forum imprese femminili al fine di conoscersi, confrontarsi su idee, iniziative e progetti imprenditoriali e parternariati. Uno degli obiettivi del forum (l'indirizzo è http://pariopportunita.provincia.lucca.it/forum) è quello, infatti, di creare rete e business tra imprese nascenti o già esistenti perché possano utilizzare i servizi di altre imprenditrici e creare insieme nuove potenzialità da offrire sul mercato. Il Forum può essere un luogo importante per far circolare informazioni e accedere agli eventuali finanziamenti.

Entrambe le novità partono in questi giorni, insieme alla nuova edizione dell'Incubatore Impresa Donna, che anche quest'anno conta già diverse iscrizioni. Prova concreta del lavoro svolto finora sarà la manifestazione "Firmato Donna", sabato 2 aprile al Real Collegio a partire dalle 16,30, nell'ambito della quale alcune delle imprese femminili create grazie all'Incubatore presenteranno la propria produzione.

 

 

Per maggiori informazioni sulle attività del Centro Pari Opportunità: http://pariopportunita.provincia.lucca.it, 0583 433435.

 

A CHI SI RIVOLGE INCUBATORE IMPRESA DONNA - Le destinatarie di questo servizio sono aspiranti imprenditrici che: intendono attuare una loro idea-progetto; interessate a sviluppare ulteriormente la propria azienda; sono in difficoltà che vogliono far decollare la propria impresa; sono interessate a realizzare progetti innovativi e a introdurre nuove tecnologie.

CHE COS'E' L'INCUBATORE IMPRESA DONNA - Un "luogo protetto" in cui ciascuna donna può portare la propria idea di impresa ed essere supportata nelle scelte che deve compiere per il suo sviluppo. Al Centro Pari Opportunità di via Santa Giustina, 23, le donne possono rivolgersi per avere singolarmente, e nei seminari all'interno di un gruppo, strumenti, consigli, ed un accompagnamento pratico in tutte le fasi della creazione di impresa. La struttura è in grado di fornire una serie di servizi integrati: la prima accoglienza; l'orientamento; il mentoring'; l'assistenza e consulenza amministrativa e gestionale; l'informazione e organizzazione per la partecipazione a fiere e convegni; il supporto promozionale attraverso la partecipazione a manifestazioni fieristiche, brochure informative e sito web; la formazione, attraverso l'organizzazione di corsi per aspiranti imprenditrici; l'informazione sulle novità in materia fiscale e opportunità finanziarie e legislative per le imprese; assistenza finanziaria; seminari ‘Avviarsi all'impresa'; uno spazio web sul Portale Pari Opportunità per le aziende che partecipano al progetto.

L'EVOLUZIONE DELL'INCUBATORE - Nato per offrire una rete di servizi di base per la creazione di impresa, l‘Incubatore Impresa Donna si sta trasformando in un'Officina di servizi innovativi che si creano attraverso le richieste ed i suggerimenti delle stesse Utenti. Dal bisogno di approfondire il tema del turismo da parte delle imprenditrici dei servizi turistici, ad esempio, sono state ideate delle Tavole rotonde a cui hanno portato il loro contributo esperti ed imprenditrici del settore. Di recente, da un gruppo di partecipanti al Seminario Avviarsi all'impresa, è nata la richiesta di autogestirsi all'interno della struttura per organizzare con maggiore autonomia la comunicazione in web e l'e-commerce, e da qui, anche il Forum.

L'INCUBATORE NEGLI ANNI DELLA CRISI - Nei primi anni della crisi, 2008-2009 e gran parte del 2010, l'Incubatore ha registrato un fermento da parte delle donne nello sviluppo di idee imprenditoriali e nel realizzazione di imprese e attività autonome. Nel solo 2010 sono stati presentati 14 business plan per l'accesso al finanziamento della Linea Credito distribuiti sui diversi settori merceologici dal turismo, al commercio, all'artigianato, all'arte, ai servizi alla persona e all'impresa. Nell'ultimo periodo si ha la percezione che i settori di investimento si stiano restringendo e che le persone siano più frenate nell'assunzione del rischio di impresa. Sono quasi totalmente scomparse le idee nel settore del commercio, dei servizi al turismo e all'infanzia. L'interesse delle donne al lavoro in proprio è ancora molto presente come però è molto presente l'incognita del futuro economico che attanaglia quasi tutta la popolazione in età lavorativa. Per fronteggiare questa nuova realtà, l'Incubatore sta attrezzandosi con nuovi servizi e nuove iniziative capaci di dare risposte adeguate ai nuovi bisogni e diventare sempre più un luogo aperto all'accoglienza di nuove idee e di nuove relazioni fra donne orientate all'inserimento nel mondo del lavoro.

PARTNER - la Consigliera provinciale di parità, le Commissioni pari opportunità provinciale e comunali, la Rete Centri per l'impiego, la Regione Toscana: Dipartimento per l'imprenditoria femminile, il Comitato imprenditoria femminile della CCIAA, le associazioni di categoria, le Strutture di credito locale e relative Fondazioni, la CCIAA, le Associazioni professionali femminili.

 

Fonte: Ufficio stampa Fondazione Banca del Monte di Lucca